Basic Joomla Menu

Una madre pesante, un padre assente PDF Stampa E-mail





Salve dottoressa,

sono una ragazza di 22 anni, dolce, solare e gentile, faccio sempre ciò che possa rendere felice le persone che mi circondano, ma questo vale soltanto per amici e ragazzo, infatti ho un problema: mia madre. Non riesco ad avere un rapporto sereno con lei dall'età di 17anni, quando mio padre si ammalò di tumore. Da quel momento in poi il nostro rapporo è andato via via sgretolandosi. Lei avrebbe voluto che io le stessi più vicina e l'aiutassi, ma non ci sono riuscita. Ero ancora troppo piccola psicologicamente per affrontare una situazione del genere da sola, senza poterne parlare effettivamente con qualcuno. Quindi ho iniziato ad essere un pò fredda nei suoi confronti, scontrosa, facevo tardi la sera perchè non volevo stare a contatto con questa situazione e soprattutto con lei. Poi le cose per mio padre si sono risolte, lui è guarito, ma il rapporto con lei non è mai migliorato.

Le voglio un bene dell'anima, ma non riesco mai a renderla felice, ogni cosa che io faccia è sbagliata. Ho provato a rimettere le cose a posto, ma non ci sono riuscita. Non ci riesco. Sono al terzo anno di università e lei è opprimente, tanto che l'anno precedente sono riuscita a dare pochissimi esami. Per lei non sono capace di fare "niente" e a detta sua sono "un parassita della società". Tutto frasi che mi ripete di continuo e tutto in base al fatto che alcune ragazze che frequentavano le elementari con me sono già laureate e io no. Estranee per me! Non fratelli o sorelle, perchè sono figlia unica, ma estranee!


Ho un ragazzo fantastico e mi rifugio sempre da lui nei weekend e per questo mia madre pensa che a casa sua succedano delle cose "strane" a sua definizione: cosa? Guardare la tv con sua madre? Non capisce che io con lui sto bene e che per la prima volta nella mia vita amo una persona e sto bene con lui. Dice che brucio le tappe. Ma ci sono realmente "tappe" nei rapporti con le altre persone? Se due persone si vogliono bene, vogliono stare insieme e sua madre è la persona più amichevole del mondo e mi vuole bene, perchè lei non può essere felice per me? Perchè non può fidarsi di me?

Ultima figura della mia vita: mio padre, non parla con me, se non di cose futili, e non mi conosce, anzi ha sempre lasciato che di me se ne occupasse mia mamma, mentre lui era succube a sua volta di una madre-padrona, che lo ha sfruttato per anni, togliendolo giorno per giorno alla figlia.


Mi sento oppressa, faccio fatica a dormire, vorrei vivere una vita serena, però ho sempre mia madre che mi rovina l'esistenza e un padre che effettivamente non c'è.

Ho bisogno di un consiglio.

La ringrazio.


Cara I.,
la tua lettera mi intenerisce. Quando mi scrivono le mamme, disperate, penso sempre all'altro lato della 'tragedia', che sono i figli, altrettanto disperati. Come si fa ad incontrarsi senza ammazzarsi?
Dici che fai " sempre ciò che possa rendere felici le persone che mi circondano". Non sempre questo è buona cosa. La prima persona ad esser felice do vresti essere tu, prima di preoccuparti degli altri. Immagino che tu abbia imparato dalle richieste di tua mamma, o quantomeno da ciò che percepisci o immagini lei chieda.
Non è un problema tuo la sua felicità. So che parlo crudamente, ma è così. La felicità di tua madre dipende da tua madre.Tu, se mai, hai dei doveri, visto che loro ti mantengono o comunque ti offrono la casa. Hai il dovere di studiare, di rispondere alle regole di convivenza che decidono i padroni di casa, e qualche altra cosa. Non hai il dovere di vivere come vivrebbe tua madre.
Il punto focale secondo me è che dovresti velocizzare la tua dipartita, cosicché tu possa avere la libertà di far prendere alla tua vita la forma che vuoi tu.
Stai attenta a non far l'errore di impantanarti in casa in attesa di riscuotere ub credito affettivo che non arriverà mai; non perché i tuoi non ti amino, ma perché ti amano a modo loro e questo non cambierà.
E' tempo di perdono e di cambiamento. Nei casi come il tuo mi è difficile non consigliare un percorso di psicoterapia. Quello che devi fare è uscire dalle logiche della tua famiglia eimparare a vivere secondo le tue regole. Non hai bisogno di avere il benestare dei tuoi. Ormai sei grande. Ma potrai essere davvero libera solo con l'indipendenza economica, che ti salverà dai giudizi di merito e dalle pressioni morali.
Purtroppo è un cane che si morde la coda: per avere l'indipendenza devi liberarti dal credito e interrompere il bisogno affettivo e la dipendenza paralizzante, tipica dei casi come il tuo.
Il passato è andato, gli errori sono stati fatti e (credimi) non esistono genitori che non ne fanno. Adesso è compito tuo cambiare la rotta della tua vita. Ognuno vive la propria come desidera; se non cambi direzione, in fondo è perché non vuoi farlo, e qualcosa di te ti tiene legata agli schemi familiari. Chiediti perché. Per essere amata, accettata? per senso di colpa?
Mi dirai che tu sei ribelle e non tieni affatto agli schemi suddetti. La ribellione è l'altra faccia dell'acconscendenza, è una forma sotterranea di schiavitù. Come dice G. Bateson:
"Si diventa davvero adulti quando si fa ciò che si vuole
anche se i genitori sono d'accordo".
Sbrigati a laurearti, prenditi una casa, fai la tua vita. I tuoi troveranno altro da fare che litigare con te, e ciò che faranno, non è affar tuo.
Tuo padre goditelo vivo, e ringrazia la sorte che non lo abbia fatto passare ad altra vita. Goditelo così, assente, problematico: ciò che è. Tu puoi essere quello che vuoi, lascia che lo sia anche lui.
E...spero tu abbia cose più interessanti da fare col tuo fidanzato che stare a guardare la tv con sua madre.
Un caro saluto e auguri per la tua vita.
 

Menu Principale