Basic Joomla Menu

Sessualità di una suora PDF Stampa E-mail

 

 

 

Gentilissima Dottoressa Zaira Di Mauro,
le chiedo scusa se il mio indirizzo email è strano. Mi vergogno solo a pensare. Io sono una suora da 17 anni e capisce il perchè di un indirizzo email così. Ho 43 anni. Insegno alla scuola primaria e mi rivolgo a lei perchè desidero porle il mio problema.
Sono definitivamente in convento da quando avevo 21 anni. Ho preso i voti che ne avevo 26, ma in tutti questi anni porto in me la difficoltà nella castità uno dei 3 voti che si professano. Spesso la sera mi ritrovo a navigare su internet in cerca di porno...la masturbazione è all'ordine del giorno.


Leggendo le risposte che lei ha dato già ad altri utenti sono pienamente convinta che non c'è motivo di sentirsi in colpa, e questo grazie anche al percorso di psicoterapia che sto facendo da un anno. Il problema è che sono d'accordo con le vostre teorie, se così posso dire, ma che spesso sono in contrapposizione
con il pensiero della Chiesa.


Tutto questo mi rende nervosa, preoccupata e quant'altro.

Vorrei convincermi ma lei comprende quanto è difficile e ascoltare due filoni diversi, o forse ho sempre trovato persone di chiesa dure e incomprensive? Non so! Attendo un suo suggerimento se fosse possibile. La ringrazio.
Suor F.

 

 

 

 

Cara suor F.,

la prima domanda che mi sono posta è: come mai scrivi a me, che sono psicoterapeuta, essendo già in cura da un collega? per quali domande cerchi altre risposte?
Sembra tu voglia avere da me una rassicurazione in più, una sorta di lasciapassare. E' un lasciapassare che puoi, al di là della retorica, trovare solo nella tua vita, nel rapporto con te stessa
Provo comunque a dirti cosa ne penso.
Penso che si tratti di una scelta. Ognuno di noi fa le sue, e penso che una suora scelga il rapporto che vuole con Dio.
Una scelta può essere libera o nevrotica.
Quando c'è di mezzo il senso di colpa, che tu vivi con la masturbazione, sento puzza di conflitto nevrotico, tra ciò che tu vuoi fare con la tua sessualità e ciò che senti comunque non del tutto accettabile.
Di fatto è così: non sei casta, non completamente. Ciò che devi capire è quanto e se condividi, in profondità, questo voto. Le domande che possiamo porci possono essere domande complesse, articolate, piene di sfaccettature e anche contraddizioni, come lo è la vita. Spesso le nostre questioni personali non trovano risposte né nell'etica né nel buon senso, ma in un abisso di significati che appartengono a noi solamente, in un faticoso equilibrio tra salute e nevrosi che ci permette di sopravvivere in questo mondo complesso.
La cosa che mi fa personalmente riflettere è la tua passione per la pornografia. E' una cosa ben precisa, e mi fa immaginare che la sessualità, per te, abbia importanza. Potrebbe essere una passione per la sola pornografia, non per il sesso. Magari il sesso ti fa paura, all'idea di farlo con qualcuno?
Credo siano interrogativi da mettere dentro la tua psicoterapia, affinché e finché tu possa trovare la strada migliore per il tuo benessere, qualunque essa sia.
 

Menu Principale