Basic Joomla Menu

Quando il suo pene è piccolo PDF Stampa E-mail




Salve dott.essa Di Mauro, le scrivo per conoscere il suo parere sulla mia situazione.
Sono fidanzata con un ragazzo con il quale non ho avuto un rapporto sessuale idilliaco..ma almeno all'inizio è riuscito a conquistarmi con mente e cuore colmando le mie mancanze emotive, mi ha affascinato e rapito i sensi.
Abbiamo avuto rossi problemi di coppia e di relazione, con il conseguente distacco , dopo tempo siamo tornati insieme riscontrando problematiche dal punto di vista sessuale...
Lui all'inzio del nostro riavvicinamento non riusciva ad avere una buona erezione, io invece non riuscivo proprio a percepirlo.
Oggi lo avverto fino ad un certo punto ma non mi sento appagata lo stesso, riempita, raggiunta fino in fondo.. così anche l'orgasmo è diventata un'utopia!
In un primo momento ho pensato fosse un problema emotivo.. pur lavorando su me stessa ..non ho risolto il problema.
Aggiungo un altro dato .. quello sulle dimensioni ,, Credo siano ridotte, sia per la mia reazione fisica, sia per il disagio che provo nel momento in cui l'osservo. Non mi scatta il solito desiderio .. lo percepisco piccolo ..con un diametro di pochi centimetri.
Da premettere che non avevo mai fatto caso a queste cose, ma a rifletterci sono stata con uomini sempre molto dotati , con i quali non avuto nessuna difficoltà sessuale.
Lui si adopera in altro modo, con stimolazioni manuali ed orali,solo allora riesco a raggiungere un forte orgasmo (clitorideo).
Ovvio che questo non può appagarmi e sento di vivere a metà la mia sessualità che del resto ha sempre funzionato .
Siamo molto legati, ma questo problema ci allontana ogni volta che ci avviciniamo fisicamente.
Vorrei poterne venir a capo . Confido nel suo preziosissimo parere.
Grazie !!!



Cara,
il problema che poni è complesso e serio.
A volte tendiamo a mettere noi stessi in discussione, quando di fatto la nostra frustrazione è legata ad un dato di realtà.
Non devi sentirti in difetto se la tua fisicità richiede alcune caratteristiche del partner; non è una colpa.
Nello stesso tempo, però, non è una colpa neppure quella di avere un pene di dimensioni più o meno ridotte. Essere "ben dotati" è una fortuna, non un merito, e non aggiunge valore a quanto un uomo possa dare di se stesso ad una donna, in senso spirituale, affettivo, umano.
Certo, nessuno ha colpe,ma il problea rimane ed è serio.
Ci sono donne per le quali le dimensioni del pene non sono così necessarie per il raggiungimento dell'orgasmo, o, paradossalente, l'orgasmo "vaginale" non èpoi così importante.Alcune non trovano alcun motivo di eccitamento alla vista del pene, altre sì, come te.
Indubbiamente il coinvolgimento facilita le sensazioni, le amplifica e può addirittura portare all'orgasmo. Ma giustamente non sempre è possibile un coinvolgimento così intenso, pertanto comunque il piacere resta un desiderio non sempre realizzato, con conseguenze antipatiche: calo del desiderio, rabbia, frustrazione, tristezza.
E' bello che lui si adoperi per farti comunque arrivare al piacere; mi fa credere che sia un uomo attento e sensibile al tuo bisogno.
Posto che devi sentirti libera di fare le tue scelte rispetto a che tu voglia o meno quest'uomo per la vita, forse potreste salvare l'amore parlandone serenamente, per trovare delle soluzioni. Un uomo può sentirsi profondaente ferito di fronte alle critiche verso il suo gingillo; tuttavia un tono sereno,amorevole, scherzoso ("per raggiungere l'orgasmo ho bisogno di un tronco di quercia"), forse potrebbe alleggerire un mattone sullo stomaco che, probabilmente, un uomo non superdotato si porta dall'adolescenza. Potrebbe sentire che dell'argomento nero ed intoccabile se ne può parlare, sipuò scherzarci su, e soprattutto grazie all'amore si possono trovare soluzioni alternative divertenti e soprattutto efficaci.
Non voglio dirti che le sostituzioni (tipo i sex toys) possano mai sostituire un rapporto sessuale tradizionale. Ma forse quest'uomo merita un sacrificio che comunque potrebbe risultare foriero di creatività e coplicità. Qui a Milano ci sono più sex shop che panifici; trovo molto simpatico che due fidanzati possano esplorare ridendo e amiccando tutte le castronerie che si trovano là dentro.
Infine, e non è poco, prova a far spesso l'amore, ripetutamente, per abituare il tuo corpo a quello di lui: la vagina si abitua a tutto, impara a sentire, e la nostra mente a riconoscere i segnali del piacere fino a creare dei sentieri nuovi per l'orgasmo.
Allenatevi, allenatevi, allenatevi: una bella palestra, dopo tutto, non credi?
Auguri per il vostro amore.

Dott.ssa Zaira Di Mauro

Per informazioni:
contatti

 

Menu Principale