Basic Joomla Menu

Penso ancora al mio amante bambino PDF Stampa E-mail








Gentile Dott.ssa Di Mauro,

ho trovato per caso il suo sito tra mille consultati e ho deciso di scriverle per una consulenza.

Ho 37 anni e da 7 vivo con un compagno meraviglioso, una persona positiva, entusiasta della vita che ho avuto la fortuna di incontrare dopo un lungo e buio periodo.

Glielo racconto brevemente: mi sono sposata a 26 anni dopo 13 di fidanzamento con un ragazzo di cui non ero più innamorata.

La paura di parlarne con i miei genitori (con i quali non ho mai avuto un gran rapporto essendo una famiglia severa del sud Italia),l'incapacità di accettare che l'amore per quella persona fosse finito, mi hanno spinto a sposarlo lo stesso.

Ed è stato un dramma, ma non è stato l'unico. Pochi mesi prima del matrimonio mi sono innamorata perdutamente di un ragazzo di 9 anni più giovane, che all'epoca aveva 17 anni. Abbiamo portato avanti questa storia triste e meravigliosa anche dopo il mio matrimonio.

Mi sono sposata con la morte nel cuore: non amavo l'uomo che stavo sposando, ero innamorata di un altro, scandalosamente più giovane di me.

Il matrimonio e la storia con questo ragazzo sono durati 3 anni. Poi mi sono trasferita a Nord per lavoro e intanto la storia con il mio uomo bambino è finita (l'ha chiusa lui) e dopo poco io, raggiunta l'indipendenza economica, ho chiuso il mio matrimonio.

A questo punto, quasi per miracolo, ho avuto la fortuna di incontrare il mio attuale compagno che mi ha catapultata in un mondo che non conoscevo: fatto di serenità, di sorrisi, di leggerezza. E ho cominciato una vita nuova, ho costruito una nuova me o pensavo di aver costruito una nuova me stessa......

Non ho più sentito l'ex ragazzo giovane per 4 anni, finchè una sera di 3 anni fa mi chiama al cellulare con numero sconosciuto.

Ho immediatamente riconosciuto la sua voce. E' stato come sentire una spada che ti trafigge.......

Presa dal panico e dalla paura di vedere svanire tutto quello che ero riuscita a costruire l'ho trattato male, gli dico addirittura che non sono io la persona che sta cercando, che se continua a chiamare lo denuncio. E non chiama più.

Sono passati 3 anni da allora. Avevo chiuso tutto in un cassetto proseguendo tranquilla la mia vita, finchè un bel giorno tutto questo mi ha travolto di nuovo come un fiume in piena. Complice un periodo di disoccupazione e il troppo tempo a disposizione per pensare, il pensiero di questa persona e di come l'ho trattato quella sera di tre anni fa non mi abbandona. Mi sento terribilmente in colpa: lui è stato il grande amore della mia vita, non mi è più capitato di provare quello che ho provato per lui. Ed io come l'ho trattato? come un cane......Continuo a chiedermi cosa volesse quella sera della telefonata, perchè mi ha chiamata dopo tanto tempo?


Ho invano cercato un approccio con lui, scrivendogli un paio di e-mail a cui non ha risposto....purtroppo ha cambiato il suo numero di telefono e viviamo in regioni diverse.....

Quando sono stata in vacanza al mio paese l'ho incontrato un paio di volte ma non ha neanche mai risposto al mio saluto....

Soffro moltissimo per questo. So che è quello che mi merito per come l'ho trattato, ma non riesco più ad andare avanti con la mia vita......sono come bloccatata a quella sera....Rimugino, rimpiango, mi torturo continuamente e non riesco a superarlo..

Non riesco a perdonare me stessa per come mi sono comportata. Vorrei avere la possibilità di spiegargli il mio comportamento ma lui ha evidentemente messo una pietra sopra. Io invece no e non mi spiegare il perchè.

Lei riesce a spiegarselo?

Sono una persona piuttosto complicata, ho una sensibilità direi quasi patologica, e credo a questo punto di aver bisogno di aiuto.

Purtroppo io non sono di Milano, vivo a Padova e vorrei sapere se conosce qualche psicoterapeuta qui che possa aiutarmi.

Magari sta pensando che devo avere una bella faccia tosta a scrivere a lei quando so già che non potrò venire da lei, ma le dico con grande sincerità che ho visitato tanti siti alla ricerca della persona giusta e quando ho visto il suo viso, ho letto le sue parole, è scattato qualcosa.

Desidero ringraziarla immensamente se mi farà la grande cortesia di rispondere alla mia e-mail......(vivo a Padova da 8 mesi, non conosco nessuno, non ho amici e purtroppo non ho ancora neanche un lavoro).

Grazie di cuore!



Dio mio, ti sei sposata a 26 anni dopo 13 di fidanzamento! in questi casi, o si tratta del grande amore, o è una specie di follia. In pratica ti sei infilata in un fidanzamento all'età di 13 anni, età in cui si dovrebbe pensare a ben altro, almeno in questo momento storico. Non so se vado fuori strada, ma non mi stupisce che ti sia innamorata di un diciassettenne, calcolando che la tua vita da adolescente te la sei giocata facendo la grande. Il tuo giovane amore invece ha fatto il giovane ed ad un certo punto ha mollato; in fondo c'è qualcosa di giusto.

Cara A., credo ci sia qualcosa che ti sbilanci verso l'amore impossibile. Non solo perché è molto giovane. Soprattutto per le fantasie che in questi tre anni hai coltivato.

La storia col ragazzo ha avuto la sua bellezza nel momento in cui si è espressa, e non puoi sapere oggi come sarebbe. Non puoi neanche sapere cosa volesse quel giorno al telefono, ed in fondo credo sia per questo l'esplosione della tua ossessione: non c'è nulla di più attraente di ciò che è ambiguo.

Mi viene da chiederti com'è ora la tua vita, come va col tuo uomo, cosa vorresti e non hai, come stai tu, quanto ti stai prendendo dalla vita di ciò che desideri e se stai rispondendo al tuo desiderio o a quello di qualcun altro.

Hai ragione, potrebbe essere l'occasione di scoperchiare le tue zone d'ombra e farti aiutare da un mio collega. Sarebbe un modo per scoprire cosa di te ti ha fatto fare scelte contrarie al tuo benessere, come per esempio sposarti, e magari qualcos'altro. Oppure capire che cosa ti ha dato la storia con quel giovanotto che ora rimpiangi.
Inogni caso adesso sei in un altro momento della tua vita, il passato aveva senso nel passato, e oggi non sai neanche quale effetto potrebbe farti averlo vicino. Devi accettare la tua realtà, dove lui non c'è, almeno per il momento. Se in futuro ci sarà, sarà comunque qualcosa di nuovo.


Inoltre è abbastanza inutile cercare di farsi perdonare. Sia perché non serve chiedere scusa a chi non vuole accettarlo, sia perché avrai avuto le tue ragioni, e non mi pare lui voglia argomentarle con te.

Lascia decantare le cose. Il futuro non lo conosciamo. Il presente un po' sì, e il tuo è spostato altrove, Viviti questo, innanzitutto.
Un abbraccio da lontano.

PS: purtroppo a Padova non ho conoscenze di fiducia, la più vicina è a Verona, ma sarebbe meglio trovarla nella tua città.
 

Menu Principale