Basic Joomla Menu

Paura del cibo, paura di vivere PDF Stampa E-mail

 

 

 

 

 

 

 

Gentile dottoressa,le scrivo da una cittadina dell'Abruzzo per esporle in breve o almeno tenterò il mio problema.
Mi chiamo V. e ho 16 anni,per circa un anno ho sofferto di un inizio di anoressia,non mangiavo quasi nulla ed ero arrivata a pesare 43 kg per 168 di altezza,poi però guardando la tristezza nei miei genitori ho deciso di mettere su qualche chilo però il mio autocontrollo mi è scivolato completamente via dalle mani e sono ingrassata di molto nell'arco di due mesi sono arrivata a pesare 60 kg per 168.Guardandomi allo specchio mi sono accorta che non mi accettavo,non mi piacevo così ho ripreso la mia dieta restrittiva e nell'arco di pochi mesi ho perso tutti i chili in eccesso arrivando al peso ideale di 48 kg..in questo modo mi piacevo molto,finalmente credevo di aver trovato la sicurezza in me stessa ma molto probabilmente mi sbagliavo visto che in queste vacanze natalizie mi è capitato spesso di abbuffarmi fino a stare male così nell'arco di due settimane ho messo 3kg. Oggi mi sono accorta che un paio di pantaloni non mi entrano più,ho iniziato a piangere come una bambina,ho pianto davanti ai miei genitori chiedendogli aiuto ma loro non so se potranno mai aiutarmi. Io ho paura di riprendere tutti i chili persi e di tornare ai 60 kg,ho paura di abbuffarmi ancora,ho paura del giudizio dell'altra gente,ho paura che quei pantaloni attillatissimi taglia xs non li metterò mai più,forse ho semplicemente paura di vivere. Cara dottoressa,mi scusi se l'ho annoiata ma la prego mi dia una risposta perché io sto davvero malissimo.
Sembra quasi che nessuno possa capirmi.

 

 

 

 

Cara ragazza,
chissà quanti ti hanno detto che il problema non sono certo i tuoi pantaloni xs, e chissà quante volte hai pensato: "non mi capisce nessuno".
Per te i pantaloni stretti sembrano l'unica cosa davvero importante, e se per te sono importanti, lo sono e basta. Però considera anche i punto di vista di chi ti vuole bene, e cioè che è molto più importante la tua "paura di vivere" che la taglia xs.
Credo che tu sia terrorizzata dai cambiamenti della tua vita. Il corpo che cambia è conturbante, spaventoso, e credo tu stia cercando di tenerlo sotto il tuo controllo. Per questo oscilli tra comportamenti anoressici,e le abbuffate: controllare compulsivamente la propria vita porta prima o poi a perdere non solo il controllo ma anche la percezione di potersi autoregolare naturalmente.
In poche parole il punto è che tu possa stare serena senza pesarti ogni mattina o provarti i pantaloni per vedere se ti stanno.
Dovresti cercare di parlare con qualcuno, che possa aiutarti a capire cosa davvero ti fa stare così male. Per la linea, troverai il modo di mantenerla, stai tranquilla. Non sei la sola e non sarai l'ultima a preoccuparsi del suo corpo. Solo che l'attenzione per il corpo deve essere accompagnata da amor proprio e serenità mentale, non dall'angoscia e dal terrore di perdere la propria identità.
Chiediti perché hai bisogno di abbuffarti fino a star male, perché il cibo ha acquisito un significato alterato rispetto alla nutrizione ed al piacere; chiediti quale sofferenza stai sostituendo concentrandoti sul peso; chiediti perché non sei serena, cosa della tua vita ti tormenta.
Infine, una rassicurazione: non spaventarti per il caos che percepisci dentro di te. La tua è un'età maledetta, piena di conflitti e carica di emozioni contraddittorie. Capire cosa ti accade ti farà crescere e ti permetterà di capire chi sei.
Un caro saluto e abbraccio.
 

Menu Principale