Basic Joomla Menu

Mia figlia mi odia PDF Stampa E-mail

 

 

 

Salve sono una mamma di 49 anni e non riesco ad avere un rapporto sereno con mia figlia 27enne che vive con me tutto e iniziato quando mia figlia a 6 anni e stata vittima di tentata violenza sessuale, crescendo sembrava tutto risolto ma con la morte del padre 13 anni fa tutto e peggiorato lei mi accusa di non esserle stata vicina in quel momento e di non aver rispettato il suo dolore perché in distanza di qualche anno mi sono risposata lei non lavora sta a casa con me, ma nonostante tutto dice che non sono una buona madre dove sbaglio? Lei gioirebbe per la mia morte.

 

 

 

Cara R.,
la mia risposta ti stupirà: tua figlia mi pare abbia l'età di cavarsela da sola, e anche di capire che come madre tu hai fatto il possibile, credendo che fosse giusto, e che è arrivato il tempo di ricondurre le responsabilità della sua vita attuale a se stessa. perché quella che conta adesso è la vita di oggi, non di avantieri.
Detto ciò, tutta la compassione del mondo per la violenza subita: terribile, certo, certissimo. Ora bisogna andare avanti. Alla sua età non puoi fare poi tanto, solo lei può aiutarsi, con una psicoterapia, con scelte di vita, con -per esempio- l'andarsene di casa.

Per quanto ti possa sembrare strano, ciò che di meglio puoi fare è costringerla a lavorare, non darle più soldi facilmente, aiutarla ad affrancarsi. I giochetti della rabbia contro la madre sono vecchi come il mondo, la figlia femmina che se la prende con la mammina perché le ha rovinato la vita. Che imbroglio. E' ora che si dia una mossa...per cui il mio consiglio è di abbandonarla un po', di lasciarla sola, di non rispondere alle sue accuse e di sopportarle senza sentirti troppo in colpa, perché oramai di colpa tu non ne hai più.

Sono dura perché è duri che bisogna essere davanti ai figli che addossano ai genitori la responsabilità della loro vita.
Concentrati piuttosto sulla tua, di vita, e se ti riesce difficile fatti tu qualche chiacchierata con uno "psi" che possa aiutarti a concepire la tua vita al di là di lei, per te stessa. Perché ti assicuro che in qualche misura lei si arrangerà.

Apri la finestra, smettila di pensare ai tuoi guai casalinghi, e inizia a riflettere su cosa vuoi farne del resto degli anni che ti rimangono di questa splendida assrda vita; hai fatto bene a risposarti, al di là dei dettagli che non conosco, perché una madre è prima una persona con una sua unicità.

 

Menu Principale