Basic Joomla Menu

Importanza del padre PDF Stampa E-mail






Buongiorno,
sono un papa' di una bambina di 10 anni divorziato da quando lei aveva 1 anno.

Dopo sentenze e tribunali e tanta sofferenza causata da una mamma troppo morbosa e che parlava male del papa', sono riuscito a stabilire con mia figlia un  rapporto normale (week end alternati e vacanze estive e natalizie, come da sentenza).

Da quest'estate invece (primo anno che non andiamo al mare ma stiamo a casa per motivi economici), la bambina il primo giorno che era a casa con me, a fine giornata ha cominciato a dire che aveva mal di pancia e che voleva andare dalla mamma e cosi' ho fatto dicendo che quando stava meglio sarebbe tornata da me per stare qualche giorno (doveva stare con me 2 settimane).
Non e' piu' venuta, ogni sera quando la chiamavo diceva che aveva ancora un po' di mal di pancia ma sentivo dalla sua voce che era una bugia e che era come pilotata dalla mamma che le diceva cosa dire.

Cosi' anche il wekk end dopo (che era anche il suo compleanno) mi ha detto piangendo che non voleva venire.
Io non so come comportarmi perche' non capisco se e' lei che non vuole piu' venire o e' la mamma che le dice di non farlo e il motivo.
In piu' la mamma non vuole piu' che la porto via quando e' con me per le vacanze ma vuole che rimaniamo a casa.

Come devo comportarmi? Non ho piu' voglia di fare lotte e non voglio sconvolgere la tranquillita' di mia figlia ma voglio passare del tempo con lei.

Grazie.

 

Buona giornata.





La situazione è complessa e credo vada al di là del tuo desiderio di stare con tua figlia. Ciò che intendo è questo: tu sei il padre e devi fare il padre. Lei è minorenne e tu decidi insieme a sua madre qual è il suo bene.

A 10 anni una bambina non è ancora pronta per decidere se e quanto stare col padre; lo decide il giudice, insieme ai genitori.
Ciò che credo è che tu non debba assolutamente spaventarti di fronte ai retroscena del comportamento della bambina. Qualsiasi cosa ci sia dietro, tu hai diritto al tempo con tua figlia, e oltre che diritto ne hai il dovere. Il tuo 'dovere' è anche far sì che la madre non prenda tutto lo spazio della sua educazione e crescita; ti sembrerà strano, ma questo è uno dei compiti fondamentali del padre. Egli deve infrangere la simbiosi perfetta che c'è tra la madre e il figlio, deve romperla affinché quest'ultimo prenda coraggio e vada verso il mondo. Tu hai il dovere di evitare le alleanze e le morbosità, che sono completamente controproducenti per la bambina. E di certo non è sua madre che decide cosa suo padre debba o non debba fare durante le vacanze!

Lei non può scegliere. La casa del padre e quella della madre sono entrambe le sue case. Il tempo di poter scegliere è un altro, tra qualche anno. Ancora tu hai il dovere di scegliere per lei, di parlarle, di cercare di capire cosa c'è che non va.

Sia che sia lei a non voler passare il suo tempo con te, sia che ci sia lo zampino della madre, tutto questo è sintomatico: in sostanza, esprime un malessere, qualcosa che non gira per il verso giusto.

Il punto fondamentale è che i bambini, fino all'adolescenza, vedono il mondo con gli occhi dei genitori, e di conseguenza danno al mondo il significato che ne danno gli adulti. In questo mondo possono esserci significati deformi, come per esempio che il papà è cattivo (da parte della mamma), ma anche che il papà non lotta per vedere sua figlia, o che i figli possono decidere al posto dei genitori.

Insomma, stai attento a non cascare nell'idea che il problema sia il tuo desiderio frustrato di stare con tua figlia. Il problema è che ci sono dei giri strani per cui tu hai il dovere di interromperli e farli girare diversamente, per il bene tuo e di tua figlia.

Ciò che ti posso consigliare è di rivolgerti a qualcuno del mio campo, uno psicoterapeuta, che possa aiutarti inizialmente a capire le tue responsabilità, ed eventualmente considerare l'ipotesi di fare degli incontri a tre, compresa la bambina, se necessario. Se vivi a Milano posso consigliarti qualcuno, altrimenti prova comunque a dirmi la tua città.

Un caro saluto.

 

Menu Principale