Basic Joomla Menu

Dismorfofobia e delirio PDF Stampa E-mail

 

 

 

 

Salve, sono un ragazzo di 27 anni, soffro di dismorfofobia con disturbi ossessivi e pensieri deliranti, da 7 anni a questa parte sono stato in cura con antidepressivi ed antipsicotici a basso dosaggio, a causa dei loro effetti collaterali.

Vorrei chiedere se l'ipnosi potrebbe aiutarmi a superare questa fase critica.

Cordiali saluti

 

 

 

 

Caro A.,
non mi parli del grado di gravità del tuo sintomo; tuttavia mi viene subito da farti la domanda: hai provato con la psicoterapia?
Potrebbe aiutarti tanto, ci sono vari aspetti della psicoterapia che accompagnano molto bene l'uso di psicofarmaci.
.
Sull'ipnosi posso dirti che in sé non credo possa avere efficacia, ha senso all'interno di un percorso psicoterapeutico, perché non interviene mai direttamente sul sintomo. Non è una pratica magica, e non consente di intervenire sui comportamenti abituali della quotidianità. Il "sintomo" è parte integrante della quotidianità, e ha il compito di difenderci da sofferenze che, più o meno inconsapevolmente, riteniamo peggiori del sintomo stesso. Ti faccio un esempio: se fumare sigarette, in qualche misura, riesce a contenere le mie ansie esistenziali o le mie paure sociali, non ci potrà essere nessuna ipnosi sulla Terra capace di farmi smettere, perché di fatto io, in profondità, veramente, non ho nessuna intenzione di smettere. per fare a meno delle sigarette dovrò prima superare le mie paure nella vita.
.
Con o senza ipnosi, credo che tu abbia bisogno di intervenire sulla tua struttura di personalità, e devi farlo il prima possibile, prima che possa essere tardi.
Se tu vivessi a Milano saprei chi consigliarti; se no prova lo stesso a scrivermi della tua città, magari conosco qualcuno adatto al tuo caso.
.
Per ora, un caro saluto.
 

Menu Principale