Basic Joomla Menu

Andar via per sé, o restare per la famiglia? PDF Stampa E-mail





Gentil.ma dott.ssa le chiedo con poche parole: ho stima di me stessa, ma accade che vorrei prendere la decisione di cambiare città perchè nella mia non ci sto bene per niente mi fa morire, e non lo faccio perchè ho figli e nipoti a cui voglio molto bene. lei mi dirà: forse non vuoi moltoooooo bene a loro,e quindi vuoi andare via, ma non è così.
Il mio desiderio è molto forte, ed a volte mi sento colpevole solo di pensare a ciò. Penso a quanto mondo cè fuori, a quanto potrei vivere e vedere.
So che è molto poco ciò che le scrivo, ma se le è possibile mi dia un' idea, altrimenti capirò lo stesso. Grazie a presto. A.




Mi sembra di capire che il suo è un conflitto tra il proseguire la sua vita nella scoperta di nuove possibilità d'esperienza,o il continuarla nella sicurezza affettiva familiare e conosciuta.
Non esiste colpa nel voler vivere la propria vita in un modo o in un altro, a meno che non si abbiano figli minorenni, per i quali anche legalmente siamo responsabili (oltre che moralmente). Ma da ciò che scrive, se parla di nipoti immagino che siano più che maggiorenni, a meno che non si tratti di figli di fratelli.
Voler bene a qualcuno non deve essere in contrasto con la soddisfazione di propri bisogni o desideri, ma anzi in qualche modo le due cose devono incrociarsi fino a coincidere. Soltanto nella libertà di potersi esprimere liberamente si può godere davvero delle relazioni; diversamente, ci infiliamo in una prigione di insofferenza e rancore sotterraneo.
Insomma, soltanto se asseconderà le sue spinte vitali potrà essere una madre e una nonna (o zia) felice e capace di trasmettere felicità. Segua le sue richieste interiori, che la porteranno a cercare la sua verità e forse a volte ad incrociarla, sfiorarla, vederla da vicino. Dovrà capire da sé se andare in un'altra città le darà davvero più serenità, o se neanche lì c'è quello che cerca. Mi colpisce la sua frase: "forse non vuoimoltoooooo benea loro,e quindi vuoi andare via"; chissà cosa cela. Escludo l'ovvio ovvero che lei non voglia bene ai suoi cari. Lo escludo non moralmente, ma proprio per come è costruita la frase. Sento piuttostoodore di senso del dovere e di colpa.
Si liberi dalla zavorra di luoghi comuni che vogliono le madri perennemente dedite ai figli, i quali sono adulti e se la cavano benissimo,e si goda la vita.


 

Menu Principale