Basic Joomla Menu

Segreto professionale PDF Stampa E-mail





Vorrei maggiori informazioni sul segreto professionale.
Quali cose fanno parte del segreto e quali gli psicologi sono costretti a non tenere tali?
Si può andare da uno psicologo solo per risolvere certi problemi ma senza denunciare nessuno?
(M.)

























Bisogna distinguere il lavoro dello psicologo in strutture pubblicheda quello in studi privati.


Il segreto professionale dà al soggetto la garanzia che i suoi racconti non escano dalla stanza della cura, se non in occasioni di supervisioni o confronti con colleghi di fiducia, omettendo i dati personali stretti.

Le regole sono deontologiche, non legali: ovvero lo psicologo o psicoterapeuta che non dovesse rispondere all'obbligo del segreto, può essere richiamato dall'Ordine degli Psicologi in cui è iscritto, oppure addirittura espulso; ma non corre rischi penali (a meno che non commetta atti illegali per chiunque).
Ci sono alcune eccezioni degne di nota:
-violenza agita rispetto minori
-violenza importantesubita da minori rispetto a genitori o altri, per esempio sessuale
-omicidio o minaccia di omicidio
-minaccia di suicidio
In tal caso, lo Psicologo che investe un incarico pubblico, è obbligato a denunciare il paziente o a chiedere l'identità della persona esterna coinvolta.
Per quanto riguarda lo Psicologo privato, resta una sua decisione, di cui egli stesso si prende le responsabilità.
Per rispondere alla vostra domanda, se doveste recarvi presso uno studio privato, non avreste nessun obligo di denuncia, a meno che non sia o diventi vostro desiderio.